Prefazione, di Massimo Stanghellini Perilli, alla storia del Circolo

Il Circolo dei Signori

E' Zircul di Sgnur
"E' Zircul di Sgnur", cóma che il ciamêva.
Mó indóv'ë-i pió i "Sgnur - Sgnur" ?
I "Vir - Sgnur" j'è scumpêrs da un pëz !
Incù u j'è i "Sgnur d'bajòc",
sèmpar impurtânt, mó j'è un etar quël.
E' mónd l'è cambiê, parchè l'avèva da cambiê,
e Ravèna l'è la mej Zitê de mónd !

Il Circolo dei Signori
"Il Circolo dei Signori", come lo chiamavano.
Ma dove sono più i "Signori - Signori" ?
I "Veri - Signori" sono scomparsi da un pezzo !
Oggi ci sono i "Signori - ricchi",
sempre importanti, ma sono un'altra cosa.
Il mondo è cambiato, perchè doveva cambiare,
e Ravenna è la migliore Città del mondo !
 
E' una bella soddisfazione, al compimento dei miei novantacinque anni d'età e dei settantacinque anni d'anzianità d'iscrizione al Circolo, verificare la vitalità del Circolo Ravennate e dei Forestieri (che i Ravegnani chiamavano "E' Zircol di Sgnur", "Il Circolo dei Signori"), nonostante i forti cambiamenti epocali avvenuti nel corso di un secolo e mezzo dalla sua fondazione.

Sono assai grato alla benemerita volontà di un Ravennate vero, il Presidente del nostro Circolo, l'amico Beppe Rossi, che ha ricostruito la storia di un'Istituzione Cittadina, il Circolo, specchio fedele della vita sociale di Ravenna, e pure della mia famiglia, per tanti decenni.

Numerosi, forse troppi, gli studiosi che hanno dedicato le loro ricerche alla grande storia della nostra Città. Non dobbiamo dimenticare che l'autentica storia di una comunità non è solo il frutto degli eventi eclatanti, degli alti ideali, del ruolo eroico di pochi protagonisti, ma è anche l'esito di un insieme di perduranti comportamenti civici ed associativi, i quali determinano, lentamente, il mutare ed il progredire dei costumi di una società.

Così la lunga vicenda del Circolo Ravennate e dei Forestieri, tanto ben composta dal Presidente Rossi, finisce per testimoniare la vissuta evoluzione della storia civile della nostra amatissima Ravenna.



Massimo Stanghellini Perilli
Presidente del Circolo Ravennate e dei Forestieri
dal 1952 al 1958 e dal 1963 a 1966,
Socio dal 1928 al 2005.